Storytelling: cos’è, a cosa serve e come farlo

Cos’è lo storytelling? A cosa serve e chi lo dovrebbe fare? E, soprattutto, come si fa in maniera efficace per il proprio business?

Negli ultimi anni, si sente parlare tantissimo di storytelling, quasi fosse una moda. Tutti ne parlano, tutti lo nominano, ma in pochi sanno effettivamente cos’è, gli obiettivi, le basi per farlo.

Cos’è lo storytelling e a cosa serve?

Lo storytelling è una strategia di marketing, una sorta di tattica comunicativa che – oltre ad essere di moda – funziona veramente bene per promuovere il proprio business.

Questa tecnica consiste nel raccontare una storia per attrarre l’attenzione del proprio pubblico in funzione di un determinato obiettivo. In parole povere, si tratta di convincere, raccontando una storia, a compiere una determinata azione.

Ma qual’è la differenza con i classici messaggi pubblicitari?

La strategia di storytelling è legata ad un prodotto, ad un servizio, ad un’azienda o ad una persona e utilizza la leva delle emozioni, dei sensi, dei valori per coinvolgere e far sentire il proprio pubblico vicino al proprio business, al punto da creare un bisogno, una necessità.

Chi dovrebbe fare storytelling?

Da tempo, le grandi aziende hanno colto la grande potenzialità di questo strumento che ormai utilizzano quotidianamente allo scopo di attirare le persone e poi fidelizzarle. Basta guardare Google o Guinness e con loro tanti altri. I dati rivelano ormai che un cliente coinvolto è maggiormente fedele e vicino al brand.

Ma la strategia di storytelling è adatta a tutti?

Lo storytelling è idoneo per qualunque tipo di azienda, piccola/media/grande, a prescindere dal prodotto o servizio che si vende e dal pubblico a cui ci si rivolge. Anzi più che idoneo è proprio necessario in quanto, al giorno d’oggi, siamo bombardati da talmente tante informazioni che solo chi riesce ad attirare le persone può emergere e fare successo.

Come fare storytelling in maniera efficace?

Il primo passo da compiere, prima ancora di pianificare un piano editoriale per lo storytelling, è quello dell’analisi: chi è il pubblico a cui parlo? Qual è il messaggio che voglio trasmettere? Quali i valori e le emozioni che voglio far provare?

Rispondere a queste domande ti permetterà di elaborare la struttura della tua storia in cui il punto essenziale non è semplicemente raccontarsi ma permettere che il pubblico si immedesimi e si riconosca nei valori e nelle emozioni che si andranno a suscitare.

A questo punto, bisogna stabilire alcuni elementi per lo sviluppo della “story”: chi è il protagonista? Chi il lettore? Dove sarà ambientata?  E per ultimo, ma il più importante: come vogliamo raccontarla?

Fare storytelling presuppone il dar voce ad un personaggio, reale o meno che sia, che deve suscitare l’interesse del cliente e perchè sia così, deve avere pregi e difetti. Un personaggio perfetto non avvicinerebbe il cliente e non lo amerebbe come invece nel caso di un personaggio in cui si identifica e quindi tutt’altro che perfetto.

Questo personaggio dovrebbe essere in grado di trasmettere emozioni, sempre con l’obiettivo di avvicinare il cliente, che si sentirà coinvolto nei suoi progetti, nei suoi sogni, etc.

La storia deve essere coinvolgente, veicolare un messaggio e trasferire dei contenuti ben precisi, con genuinità e, ancora più efficace, in prima persona. La genuinità e l’autenticità sono essenziali, non deve sembrare una storiella messa lì per vendere ma piuttosto un contenuto che suscita l’emozione e che spinga il cliente a voler condividere con altri questo contenuto. Se si riescono a rispettare queste brevi linee guida, si andrà a costruire una vera e propria relazione tra Brand e Clienti, fidelizzandoli in maniera efficace.

Quindi ricapitolando:

  • Acquisire la fiducia del cliente
  • Trasmettere emozioni
  • Comunicazione semplice ed autentica
  • Tono familiare e racconto in prima persona
  • Creazione di una relazione
  • Fidelizzazione

Quindi, spazio libero alla creatività e buon Storytelling!

 

Vuoi saperne di più? Contattaci cliccando qui

storytelling
storytelling